Stampanti Ecocompatibili

Stampanti ecocompatibili

 

Non sorprende che sempre più aziende di tutte le dimensioni velocizzino il processo di creazione di un’area di lavoro più sostenibile per il futuro. Sebbene ci siano milioni di modi e tecnologie per ridimensionare davvero l’impatto ambientale, la scelta della tecnologia di stampa è un argomento che spesso non viene preso in considerazione, ma che potrebbe avere un forte impatto sul risparmio energetico.

Dai un’occhiata alla stampante in ufficio. È una stampante laser o a getto di inchiostro? Ora considera le tue conoscenze relative all’impatto di questa tecnologia sulle emissioni di CO2.

Se potessi scegliere una stampante che consuma il 96% di energia in meno, lo faresti? La buona notizia è che se stai cercando una stampante a getto di inchiostro, hai già fatto un grande passo nel ridurre il tuo impatto ambientale.

 

Un’ottima notizia per l’ambiente e la bottom line

Abbiamo visto i risultati di diversi test indipendenti a supporto di questa teoria. I numeri parlano chiaro: le stampanti a getto di inchiostro sono di gran lunga migliori rispetto a quelle laser sotto tutti i punti di vista, e non vanno solo a vantaggio dell’ambiente, ma anche della bottom line generale dell’azienda. Ecco perché sosteniamo che la tecnologia a getto d’inchiostro rappresenti il futuro della stampa aziendale.

L’Europa si trova a un bivio e mai come prima d’ora la sostenibilità è stata così importante per il successo aziendale.

 

Linee guida per la comunicazione di informazioni non finanziarie

In una serie di eventi che, a lungo termine, può solo andare a vantaggio di tutti noi le nostre aspettative mirano a far crescere un approccio orientato ai dettagli. Grazie all’attuazione delle linee guida dettate dalla stessa Unione Europea sulla comunicazione di informazioni non finanziare (pensata come un mezzo per dimostrare l’impronta di un’azienda, con l’intento di attuare azioni positive per compensare l’impatto negativo) e alle raccomandazioni per i governi, le norme quali la direttiva sull’efficienza energetica dell’Unione Europea che richiedono alle “grandi aziende di fare controlli energetici almeno una volta ogni quattro anni” sottolineano maggiormente l’importanza dell’impatto ambientale sulle aziende.

Questa comunicazione comporta anche problemi relativi al carico di lavoro amministrativo e alla propria influenza su altri aspetti aziendali quali l’approvvigionamento. Ad esempio, al momento i requisiti relativi alla comunicazione di informazioni non finanziarie si applicano a determinate aziende di grandi dimensioni con più di 500 dipendenti, con l’intento esplicito di mantenere il carico di lavoro amministrativo al minimo. Tuttavia ci aspettiamo un inevitabile effetto di distribuzione capillare per le aziende più piccole, nel momento in cui i clienti più grandi cercano di rispettare i propri obblighi in tutta la catena di fornitura.

 

In termini numerici, quali sono i vantaggi del passare alla stampa a getto di inchiostro? Quali grandi risultati derivano da un piccolo cambiamento?

I fatti parlano chiaro e quando si tratta di stampa, il getto di inchiostro è chiaramente la tecnologia vincente.